We Are Your Friends, una pellicola a 128 BPM.

friends

We are your friends ci racconta le avventutre  nel mondo della musica elettronica e della vita notturna di Hollywood di un aspirante DJ ventitreenne di nome Cole (Zac Efron) trascorre le sue giornate a fare progetti con i suoi amici d’infanzia e di notte lavora su quella traccia che spera possa far ballare il mondo intero. Quando incontra il  carismatico DJ più grande di lui di nome James (Wes Bentley), viene preso sotto la sua ala protettrice. Ma le cose si complicheranno perchè Cole inizia a innamorarsi della giovane fidanzata di James, Sophie (Emily Ratajkowski). Man mano che la sua relazione proibita si intensifica e le sue amicizie invece vanno allentandosi, Cole dovrà scegliere tra l’amore, la lealtà e il futuro a cui è destinato.

friendsgiusta

A prima vista potrebbe essere il solito film destinato ai giovani , con un carismatico protagonista in realtà il film entra nel mondo dei dee jay, ormai star internazionali degne di copertine e campagne pubblicitarie di moda, per portarci dentro la musica, in questo caso è quella elettronica e capire perchè suonare a 128 BPM ?

I battiti per minuto (bpm) sono una unità di misura di frequenza, utilizzata principalmente per l’indicazione metronomica in musica e per la misura della frequenza cardiaca. Nella pellicola, senza intenti alla wikipedia, viene spiegato allo spettatore perchè a quella particolare frequenza vi scatenate in discoteca, lasciandovi andare,  senza poi tralasciare le altre frequenze alte o basse a seconda dei generi, illustrando il tutto con grafici e voce fuori campo che vi introducono ai segreti dei dee jay. La chiave di lettura musicale e cinematografica della pellicola sta tutta in queste scene, che permettono di  accompagnare lo spettatore nel dorato mondo dei dee jay, ma anche di far comprendere  che si tratta di un lavoro molto complicato che vede emergere pochi fortunati. A prescindere che il film creerà un nuova ondata di ragazzi che vogliono fare i dee jay (anche perchè il fascino di stare dietro la consolle e poter controllare intere masse dona un potere assoluto), l’onesta realizzazione, ambientata nell’altra pezzo di Los Angeles: la San Fernando Valley,una periferia dell’immensa metropoli dove gli amici di Cole cercano di sbarcare il lunario e citano il creatore di Instagram Kevin Systrom diventato milionario a 26 anni, come esempio per loro  in cerca della loro occasione di per poter fare il salto che gli permetta di avere l’indipendenza dalle proprie famiglie sempre nel mito del sogno americano, che però giustamente per alcuni di loro non potrà mai realizzarsi, e grande merito del regista e sceneggiatore di far comprendere come non tutti siano destinati al successo facile, ma spesso nella vita occorre accontentarsi di quello che uno è in grado di fare al meglio delle sue possibilità.emilyfriends

Al contrario sarà il protagonista Cole che insegue il suo sogno mettendosi nei guai con la fidanzata del suo mentore (ma chi diavolo potrebbe resistere ad Emily Ratajkowski, una delle modelle più pagate nel mondo) a poter avere la chance di realizzare il suo sogno, mentre  scorrono le immagini  al ritmo di una fantastica colonna sonora, già in vendita per Universal Music con il pezzo Desire degli YEARS &  YEARS  e i contenuti con i  maggior  dee jay del momento dai francesi Justice Tchami, il belga The Magician , i Bro Safari, gli Americanos e tanti altri.

In conclusione una pellicola che potrebbe deludere chi non ama la musica elettronica e le serate in discoteca, assolutamente imperdibile per gli altri e ovviamente per chi vi scrive, che vanta tra i suoi migliori amici un dee jay e ha potuto una sera sperimentare 5 minuti dietro una consolle, comprende che non esiste potere più grande che far divertire la gente e We Are Your Friends ci riesce benissimo.

 

di Roberto Leofrigio

 

L\'Autore Roberto Leofrigio

Roberto Leofrigio, laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione, esperto di cinematografia sin dai lontani anni'80 con la nascita di una fanzine cartacea. Collaboratore di vari siti di cinema, ufficio stampa per molti eventi di promozione cinematografica e videoperatore, ama tutti i generi e in particolare quel cinema che spesso non viene distribuito nel nostro paese.