RECENSIONE ANTEPRIMA “Dark Skies – Oscure presenze”

"Dark skies - Oscure presenze"

“Dark skies – Oscure presenze”

“Perché noi? 

Signora, non avete nulla di speciale. Prima o poi, quando loro saranno pronti, verranno a prendere la vostra famiglia”.
(Lacy Barret e Edwin Pollard)

Il   thriller-horror “Dark Skies – Oscure presenze” è  perfettamente riuscito dal punto di vista tecnico, ma  pecca di originalità narrativa. L’argomento prescelto dal regista e produttore  Scott  Stewart, riconosciuto globalmente come un mago degli effetti speciali dati grandi lavori del passato come “Star Wars: Episodio 1 – La minaccia fantasma” e “Il mondo perduto – Jurassic Park”, è un’invasione aliena “silenziosa”. Gli essere ultraterreni vengono descritti come dei “grigi”, entità capaci di entrare dentro le case degli umani durante la notte e di prendere controllo del loro corpo e della loro mente. Un film che per larghi tratti ricorda “Paranormal Activity, ma la qualità è nettamente superiore. L’altro produttore Jason  Blum è  appunto il padre della clamorosa serie cinematografica “low cost” che ha sbancato il botteghino e di “Insidious. La scenografia, come dichiarato dallo stesso regista, assume un ruolo più importante della fotografia poiché si sono privilegiate delle location interamente reali proprio per avvicinare i protagonisti  alla vita quotidiana della popolazione americana.

La famiglia Barrett vive una tranquilla vita nella periferia cittadina, seppur con problemi economici che alzano il livello di stress. Tutto cambia quando dei fatti incredibili cominciano ad accadere: strane composizioni geometriche in cucina, oggetti che spariscono, stormi di uccelli che si abbattono sulla casa e black out di memoria. La cosa più inquietante però sono le azioni compiute dai componenti della famiglia che li portano a convincersi di essere sotto attacco di forze aliene. Lacy (Keri Russel)  e Daniel (Josh Hamilton)  cercheranno di proteggere i loro figli,  in un finale che sorprende lo spettatore e che è forse la parte migliore della trama.

Il film  tende a descrivere la classica famiglia americana che vive l’attuale periodo di crisi ed austerity. Le difese prescelte dai genitori per la sicurezza della casa sono un fucile e un cane, anche qui in un tentativo di abbracciare un realismo perfetto rendendo il film lo specchio della società e dando un punto a favore alla vendita di  armi. Il demonologo Edwin Pollard, interpretato in modo intenso da J.K.Simmons, non poteva che essere un “santone americano”. La presenza degli alieni è forse un omaggio alla fortunata serie X-Files che ha compiuto 20 anni, come abbiamo celebrato in uno speciale focus.

Il film, costato 3,5 milioni di dollari, ha già registrato un incasso di 27 milioni ed è stato vietato ai minori di 13 anni per via dei contenuti. Sicuramente un buon titolo capace in alcuni punti di spaventare come i migliori horror, in alcuni frangenti ricorda “Il sesto senso”, anche se l’originalità della trama come detto non convince appieno. La leggerezza narrativa in alcuni tratti può essere un’incentivo anche per chi non è molto amante del genere, ne consigliamo la visione nelle sale italiane a partire dal prossimo 24 ottobre.

Valutazione: 3,5/5

A cura di Thomas Cardinali

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Twitter: @Thomascardinali

GUARDA IL TRAILER DEL FILM

 

LA SCHEDA COMPLETA DEL FILM

Dark Skies – Oscure presenze

Titolo originale: Dark Skies
Lingua originale: Inglese
Paese di produzione: Stati Uniti d’America
Anno: 2013
Durata: 97’
Genere: Horror, Fantascienza, Thriller
Regia: Scott Stewart
Sceneggiatura: Scott Stewart
Produttore: Jason Blum
Produttore esecutivo: Charles Layton; Jeff Okin; Bob Weinstein; Harvey Weinstein
Casa di produzione           : Alliance Films; Blumhouse Productions
Distribuzione (Italia): Koch Media
Fotografia: David Boyd
Montaggio: Peter Gvozdas
Musiche: Joseph Bishara
Scenografia: Jeff Higinbotham
Costumi: Kelle Kutsugeras
Trucco: Jed Dornoff, Brian Kinney

Interpreti e Personaggi

Keri Russell: Lacy Barrett
Josh Hamilton: Daniel Barrett
Dakota Goyo: Jesse Barrett
Kadan Rockett: Sam Barrett
J.K. Simmons: Edwin Pollard
L.J. Benet: Kevin Radner

L\'Autore Thomas Cardinali

Web writer di professione, scrivo di cinema e spettacolo in ogni sua sfaccettatura. Video maker in formazione con la passione per il calcio e la Formula1