Man Down, Dito Montiel rialza Shia LeBeouf

Alla proiezione ufficiale del film Man Down di Dito Montiel, con Shia LaBeouf, Kate Mara, Gary Oldman  per i film in concorso nella sezione Orizzonti della 72esima mostra internazionale del cinema di Venezia, il film è stato accolto da oltre 10 minuti di applausi.il regista Dito Montiel e il protagonista Shia LaBeouf a fine proiezione si sono abbracciati e sciolti in lacrime. Il film narra della straziante storia della difficoltà di reinserimento di un marine che ha prestato servizio in Afghanistan ed è rimasto sotto shock dopo avere ucciso madre e figlio che a loro volta avevano teso una trappola alla pattuglia da lui guidata. Sulle orme di America Sniper, ma con uno stile molto differente il registal dopo Guida per riconoscere i tuoi Santi ritrova Shia in una intensa performance.  Le foto della commozione al termine della proiezione ne sono prova, a riprova  di una catarsi per l’attore che viene da un periodo difficile a livello personale e che ha rifiutato ogni contatto con la stampa, se non la conferenza, anche se poi si è concesso al suo pubblico senza problemi.

Nella galleria Dito Montiel e Shia LeBeouf in lacrime, assieme a Nick Jones vero sergente dei marines e consulente militare per il film, anche lui visibilmente commosso.

 

Di Roberto Leofrigio, photo by Roberto Leofrigio  copyright by Corriere Cinema tv

 

 

L\'Autore Roberto Leofrigio

Roberto Leofrigio, laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione, esperto di cinematografia sin dai lontani anni'80 con la nascita di una fanzine cartacea. Collaboratore di vari siti di cinema, ufficio stampa per molti eventi di promozione cinematografica e videoperatore, ama tutti i generi e in particolare quel cinema che spesso non viene distribuito nel nostro paese.