Fratelli Unici- Una commedia sentimentale,dove non mancheranno le risate!

1

Piomba sulle scene l’esordio di un nuovo duetto, quello di Bova e Argentero, in un film di Alessio Maria FedericiFratelli Unici”, con la sceneggiatura di Luca Miniero e Elena Bucaccio. Questa commedia sentimentale, mette in scena la storia di due fratelli con due concezioni di vita completamente diverse: Pietro(Raoul Bova) un uomo realizzato che conduce una vita molto solitaria, pensando solo a se stesso e alla sua carriera, facendo così crollare il suo matrimonio con Giulia (Carolina Crescentini), e Francesco (Luca Argentero) il classico latin-lover, che pensa solo a divertirsi e a portare a letto una donna diversa ogni notte, senza farsi coinvolgere nelle relazioni. I due fratelli, tanto rivali, si ritrovano a convivere insieme a causa di un incidente che porta Pietro a cancellare completamente la memoria, e a comportarsi come un bambino. A osservare questa nuova convivenza, c’è Sofia (Miriam Leone) la vicina di casa di Francesco, che detesta e non condivide il suo comportamento da Playboy.

La perdita di memoria di Pietro gli permette di acquisire una nuova visione della vita, guardando tutto da un nuovo punto di vista, senza farsi influenzare dal passato, e  di  come non sia facile andare d’accordo con le persone che ci circondano, e che ci amano. Per quanto riguarda il personaggio di Francesco interpretato da Luca Argentero:” Il mio personaggio ben poco stimabile, non segue convenzione, non ha alcuna responsabilità, ha un pessimo rapporto con l’amore, e questo perché non ha mai amato”. Questi personaggi hanno fatto tabula rasa sentimentale intorno a loro, non si considerano più come fratelli, e da lì inizia la loro rieducazione sentimentale attraverso l’amore, e l’innocenza di Pietro che rivela grandi verità, un “bambino” che con pochissime parole,riesce a farci riflettere, e a farci pensare su cose che gli adulti non considerano più come importanti.

E così raccontano gli attori alla conferenza stampa, di come il regista li abbia lasciati fare, permettendogli di creare i loro personaggi:“ l’intuizione di Alessio è stata quella di lasciarci parlare, e di tralasciare nel leggere una  scena, o nel parlare dei personaggi, il suo obiettivo  era quello di farci conoscere, e creare  complicità.” Vi è la scoperta di un’altra coppia dello spettacolo, quella tra  la Crescentini e la Leone per la prima volta insieme,le quali incarnano le due donne che fanno da cornice a questa rivalità tra i due fratelli, entrambe dotate di fragilità e talento. Quattro personaggi con caratteristiche completamente diverse l’uno dall’altra compongono questa commedia all’italiana che ci regala un mucchio di risate,divertimento, ma anche molte emozioni, portando con sé un messaggio forte: il rapporto tra fratelli,l’amore in generale,la stima, l’affetto, e il prendersi cura di qualcun altro,sono sentimenti da non sottovalutare!

Valutazione: 7

Ambra Azzoli

L\'Autore Ambra Azzoli

Laureata in Scienze e Tecnologie della Comunicazione, presso l'università la Sapienza di Roma. Inizia ad avvicinarsi alla scrittura cinematografica nel 2013. Oltre la passione per il cinema, anche quella per il teatro, nata all'età di 12 anni, frequentando il primo corso di recitazione. Ama trascorrere il suo tempo tra libri, serie tv e film!