Attacco al Potere 2: La battaglia d’Inghilterra con Butler e Eckhart in una fuga esplosiva

Un successo al botteghino è quasi sempre destinato a diventare un sequel e Attacco al Potere 2 ne è l’esempio lampante, ma la storia è completamente slegata dalla precedente se non per le minacce terroristiche. Se il primo “Olympus has fallen” del 2013 era palesemente ispirato ai fatti accaduti nel tragico 11 settembre 2001 qui in “London has fallen” sono le esplosioni nella metro londinese del 2005 a fungere come spunto al regista Babak Najafi nel costruire la sua esplosiva caccia all’uomo per le vie della city con Gerard Butler nuovamente nei panni dell’agente Mike Banning che questa volta deve proteggere a costo della vita il presidente degli Stati Uniti d’America Benjamin Asher alias Aaron Eckhart. L’opera è il più classico degli action movie, con le esplosioni e gli inseguimenti che visivamente sono davvero ben realizzati. La trama purtroppo è a tratti irrealistica, con delle sequenze ai limiti dell’inverosimile ma va preso per quello che è, un film per divertire e trascorrere con la giusta leggerezza poco più di un’ora e mezza.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un plauso va fatto anche a Morgan Freeman, che torna nei panni di un ipnotico vicepresidente (dopo aver ottenuto una promozione dal primo capitolo).Il cattivo del film è Aamir Barkawi, a cui però il film dà in modo inspiegabile una virata filoamericana dato che ammette il primato mondiale degli USA. Quale terrorista lo avrebbe fatto? Il flm e tutto ciò che ne consegue è una vendetta per la morte della figlia in un raid di cui lui era il reale bersaglio. La vera novità è che questo sequel vede i personaggi con dei rapporti maturati e cresciuti nel corso degli anni, con un Mike Banning che in un primo momento vuole dimettersi per amore del figlio in arrivo, ma il film lo poterà a una riflessione spontanea. Ecco che questa fuga per salvare il presidente è in realtà un viaggio dentro se stesso per riscoprire che in realtà se smettesse di fare ciò che sa fare meglio non sarebbe lui. Un’opera che non lascia molto, se non la consapevolezza che la minaccia terroristica è sempre più d’attualità e che, nonostante misure di sicurezza sempre più ferree, ci sono stati i recenti attacchi di Parigi e molta gente vive con l’incubo ad occhi aperti che queste esplosioni possano diventare reali.

Stelle: 2,5/5

Thomas Cardinali

L\'Autore Thomas Cardinali

Web writer di professione, scrivo di cinema e spettacolo in ogni sua sfaccettatura. Video maker in formazione con la passione per il calcio e la Formula1