Al 55° Festival di Cannes la semaine de la critique parla nuovamente italiano con Alessandro Comodin

I TEMPI FELICI VERRANNO PRESTO (HAPPY TIMES WILL COME SOON) il secondo lungometraggio di Alessandro Comodin (L’estate di Giacomo) verrà presentato alla 55a SEMAINE DE LA CRITIQUE – Cannes Film Festival 2016 con una proiezione/evento speciale

I-TEMPI-FELICI-VERRANNO-PRESTO-cover

I tempi felici verranno presto, secondo lungometraggio di Alessandro Comodin (L’estate di Giacomo) verrà presentato alla 55a Semaine de la Critique con una proiezione/evento speciale.

L’opera seconda del regista friulano, già vincitore del Pardo d’oro a Locarno nel 2011 per il suo lungometraggio d’esordio “L’estate di Giacomo”non sarà in competizione ma sarà uno dei due eventi speciali previsti nel programma

Il film è una produzione OKTA FILM e SHELLAC SUD con RAI CINEMA in coproduzione con ARTE FRANCE CINÉMA, prodotto da Paolo Benzi e Thomas Ordonneau.

Il lungometraggio è scritto dallo stesso Alessandro Comodin assieme a Milena Magnani. Comodin è anche operatore di macchina e montatore, tuttofare affinchè l’opera venisse portata a termine proprio secondo le sue idee e disposizioni.

Nel cast troviamo gli attori esordienti Sabrina Seyvecou, Erikas Sizonovas, Luca Bernard.

Your ads will be inserted here by

Easy Plugin for AdSense.

Please go to the plugin admin page to
Paste your ad code OR
Suppress this ad slot.

Di seguito la trama, tanto affascinante quanto particolare e insolita per un’opera proveniente dal Belpaese:

Tommaso e Arturo sono riusciti a scappare cercando rifugio nella foresta. Bella la vita ora, nonostante tutto. Ma, attenzione, muori sempre quando meno te l’aspetti, anche se sei giovane, finalmente felice e non hai mai fatto niente di male. Tanti anni dopo, ai giorni nostri, la foresta pare sia infestata da lupi affamati. Nessuno si ricorda della storia dei due giovani, ma proprio in quella foresta Ariane scopre uno strano buco. Ariane è forse, allora, la ragazza di cui parla quella leggenda della valle? Il perché Ariane sia entrata in quel buco rimane un mistero, fatto sta che poi, di lei, non s’è saputo più nulla. Ognuno la racconta a modo suo questa storia, ma tutti concordano nel dire che Ariane il lupo l’ha incontrato.

Ma chi è il regista, tanto acclamato all’estero quanto da noi poco conosciuto?

Alessandro Comodin è nato nel 1982 nelle campagne vicino a Udine. Dopo aver studiato a Bologna e Parigi, si è diplomato in regia all’INSAS, la scuola nazionale di cinema di Bruxelles, Belgio, nel 2008. Il suo film di diploma Jagdfieber è stato selezionato alla Quinzaine des réalisateurs di Cannes nel 2009. Nel 2011 realizza L’estate di Giacomo, che riceve numerosi premi nei maggiori festival internazionali, tra cui il “Pardo d’Oro – Cineasti del presente” al Festival del Film di Locarno.

Il film è stato riconosciuto di Interesse Culturale con il contributo del  MINISTERO dei BENI e delle ATTIVITÀ CULTURALI e del TURISMO | DIREZIONE GENERALE per il CINEMA, realizzato con il sostegno di FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE e FONDO PER L’AUDIOVISIVO DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

e sviluppato con il sostegno di FONDO BILATERALE PER LO SVILUPPO DI COPRODUZIONI DI OPERE CINEMATOGRAFICHE ITALO-FRANCESI

  • Direzione Generale per il Cinema – Ministero dei beni e delle attività e del turismo
  • Centre national du cinéma et de l’image animée
  • REGIONE PROVENZA-ALPI-COSTA AZZURRA in partenariato con il CNC
  • PREMIO ARTE INTERNATIONAL – CINEMART
  • International Film Festival Rotterdam 2014

 

L\'Autore Roberto Leofrigio

Roberto Leofrigio, laureato in Scienze e Tecnologie della Comunicazione, esperto di cinematografia sin dai lontani anni'80 con la nascita di una fanzine cartacea. Collaboratore di vari siti di cinema, ufficio stampa per molti eventi di promozione cinematografica e videoperatore, ama tutti i generi e in particolare quel cinema che spesso non viene distribuito nel nostro paese.